Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
12
Dic

Mi pare quasi di essere diventato anch’io un figlio dell’Himalaya

Immagine TUCCI Dainelli himalaya
A casa a Tucci prendeva una strana nostalgia per il Tibet, quel paese così brullo, quasi ovunque desolato e pietroso, tutto sommato poco ospitale. Forse, proprio quel paesaggio risvegliava strani echi nel suo cuore, che lui definiva arido e non facile agli abbandoni sentimentali.

Come scrisse più volte, lui amava gli spazi, i silenzi, la bellezza aspra della terra e, persino, la difficoltà degli spostamenti, che permettevano un incontro più autentico dell’uomo con l’uomo e con sé stesso. E Tucci amava, più di tutto, le montagne.

Trovo gente che mi conosce: dopo tanti viaggi che ho fatto su queste terre mi pare quasi di essere diventato anch’io un figlio dell’Himalaya: e penso alla nostalgia di questi luoghi pur così tristi e deserti che m’assale quando sto in Europa e a quell’ansia che mi muove, quasi contro mio volere, a ritornare sulle impervie piste del tetto del mondo. (G. Tucci, Santi e briganti nel Tibet ignoto)

Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.