Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la categoria “1955”
02
Ago

Il Pakistan e l'Afghanistan di Tucci e l'AfPak di oggi

AfPakE’ da un po’ che non aggiorno questo blog, in ben altre faccende affaccendata.

Sto infatti compilando una bibliografia ragionata dell’Afghanistan e del Pakistan, luoghi in cui Tucci dal 1955 andava sempre per le ricerche archeologiche. Sappiamo infatti che cominciò l’archeologia italiana in Asia con gli scavi nella valle dello Swat, a cavallo fra i due paesi.

Da un po’ di tempo, nonostante le proteste dell’ex presidente pakistano Pervez Musharraf, che l’anno scorso ha criticato il termine in un’intervista a Der Spiegel, tutta l’area viene chiamata AfPak. Viene cioè intesa come un unicum, un solo teatro di operazione, specialmente nell’ottica della sicurezza internazionale.
E giustamente.

24
Dic

Natale in casa Tucci

ChristmasTucci per Natale faceva spesso in modo di non essere in Italia.

Il 27 settembre 1955 per esempio comunicò a Giuseppe Ugo Papi, rettore dell’Università degli

08
Dic

Il più grande amore della vita di Tucci

Scriveva Tucci a sessantanove anni, quando era già nel pieno delle grandi campagne archeologiche:

Anzi, per dire la verità, ad indicarmi la via dello Swat fu proprio il Tibet, che è stato il più grande amore della mia vita, e lo è tuttora, tanto più caldo, quanto più sembra difficile soddisfarlo con un nuovo incontro. (La via dello Swat)

14
Nov

La democrazia con gli occhi del Buddha

Obama e il  Dalai LamaQuesto l’ho scritto di là, quando Barack Obama ha vinto le elezioni, ma penso che vada bene anche su questo blog. Perché abbiamo detto che Tucci non si interessava di politica, così diceva, ma io non ci credo: perché per iniziare gli scavi archeologici la politica si deve coinvolgere, ci vogliono permessi di scavo, permessi di transito, permessi di lavoro e permessi per impiegare gli operai locali. E per dirigere l’IsMEO

05
Nov

Che avrebbe detto Tucci di Obama?

ObamaNon so cosa avrebbe pensato Tucci di un presidente degli Stati Uniti d’America nero, anche se in comune Tucci e Barack Obama hanno l’ammirazione per Gandhi.

Tucci infatti più volte, nei suoi libri di viaggio, ha dichiarato che la politica proprio non gli interessava.

Ribadì in La via dello Swat (1963), il racconto delle perlustrazioni preliminari e della missione archeologica a cui dal 1955 diede vita nella valle dello Swat, in Pakistan:

In tempi nei quali stanno tanto a cuore le istituzioni ed i reggimenti, il lettore vorrà forse sapere qualche cosa dell’amministrazione dello Swat. Io su questo punto sarò molto breve, perché se c’è una cosa al mondo che proprio non m’interessa, è la politica e le leggi o quello che chiamano governo.

25
Gen

Giuseppe Tucci e la sfiducia nella politica

BBC News Italian PoliticiansNoi ci sollazziamo con la nostra sfiducia nelle istituzioni, sfiducia molto ben riposta, ma anche Tucci non aveva alcuna fiducia, né interesse, nel governo e nelle istituzioni.

Scrisse su La via dello Swat, del 1963, un libro sulle campagne archeologiche nella valle dello Swat, nell’odierno Pakistan:

[...] se c’è una cosa al mondo che proprio non m’interessa, è la politica e le leggi o quello che chiamano governo.

Ogni tanto mi chiedo che ne direbbe Tucci dei politici attuali.

  •  
  •  
  •  
Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Altre categorie in “Esplorazioni”
Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.