Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la categoria “Giovanni Gentile”
28
Dic

"Un'altra giovinezza" di F. Ford Coppola con Giuseppe Tucci: vero e falso

Un’altra giovinezza è un film tratto dal romanzo dello storico delle religioni rumeno Mircea Eliade. Il protagonista è Dominique Matei. La a ragazza di Dominique, dopo aver subito uno shock, parla in una strana lingua. Chi è stato chiamato per capirla? Giuseppe Tucci, amico – anche nella realtà – di Eliade. La lingua misteriosa è il sanscrito.

18
Mar

"Millequattrocento pagine su Giuseppe Tucci" - recensione

Eurasia 1 marzo 2013L’avventura intellettuale e politica di Giuseppe Tucci viene ripercorsa con passione e con rigore scientifico dall’indologa Enrica Garzilli in due avvincenti volumi di circa millequattrocento pagine in totale, oltre duecento delle quali contengono una bibliografia completa delle opere del grande studioso, un elenco dei documenti più importanti citati o consultati per la stesura del libro (documenti d’archivio, lettere, carteggi, diari, articoli scientifici e giornalistici, atti congressuali, interviste, ecc.), un indice biografico dei nomi ecc.

26
Mag

Giuseppe Tucci e il Duce

Duce a piazza VeneziaUna dittatura o un regime autoritario non possono sopravvivere a lungo basandosi solo sul terrore, sulla forza, sull’imposizione e sulla repressione. Hanno bisogno di dare qualcosa in cambio della soppressione delle libertà individuali: devono migliorare le condizioni collettive e devono creare e forgiare dei sogni, delle speranze, una fede.

Per questo il primo atto di una dittatura è impossessarsi dei media e controllare gli intellettuali: perché utilizza la propaganda per far accettare, sotto forma di ideali, la visione e il volere di un’unica persona o di una ristretta oligarchia.

Gli intellettuali costano perché la ricerca costa: per questo il Duce promosse la cultura sotto ogni suo aspetto e seppe ricompensare molto bene gli studiosi che lavoravano per lui. Per questo, tramite Gentile, il Duce ricompensò molto bene Tucci e gli finanziò molte missioni, con grande larghezza di mezzi.

26
Nov

Soldi, soldi e ancora soldi: firmato, Peppino e Giulia Tucci

Shigatse e GyantseNell’estate del 1939, durante la settima spedizione in Tibet, Tucci scrisse una lettera a Gentile da Shigatse, non datata, mentre i muli della carovana stavano arrivando. La parte centrale del viaggio era ormai compiuta ed erano sulla via del ritorno. Sarebbero poi ripartiti per Gyantse ma Tucci aveva un assoluto bisogno di soldi. Anche se fosse riuscito ad arrivarci non sarebbe stato comunque in grado di raggiungere l’India per poi tornare in Italia, perché i fondi stavano terminando.

Sua moglie Giulia, una donna eccezionale, per rafforzare le parole del marito aggiunse una mezza pagina di righe scritte fitte. Non era

23
Ott

Io di Giulia non ci capisco nulla

donna indianaTucci ebbe tre mogli, si sa. Con la seconda, Giulia, ebbe un lungo rapporto, durato circa 20 anni.

Quando si separarono, come tutti gli uomini di questo mondo anche Peppino, come lo chiamava lei, non gli voleva passare gli alimenti.

Così un giorno Tucci si lamentò con Gentile dicendo che Giulia gli chiedeva troppo, poi lo rimproverava e lo offendeva senza alcun motivo.

06
Giu

La Reale Accademia d'Italia e la questione fascista

Luigi PirandelloUna questione molti dibattuta è quella della Reale Accademia d’Italia, di cui Tucci fu nominato membro nel 1929, dietro richiesta di Carlo Formichi e, molto probabilmente, di Giovanni Gentile, che però non era un accademico.

La R. Accademia d’Italia fu solennemente inaugurata dal Duce in Campidoglio, dopo quasi quattro anni di preparazione, il 27 ottobre

29
Mag

Il razzismo e La Repubblica

Riporto la polemica inutile, e anche perniciosa, apparsa su La Repubblica sullo slargo intitolato a Tucci, insieme a una mia semplice constatazione che ho scritto in Il fascino discreto dell’ipocrisia: il fascismo e La Repubblica. Perniciosa perché se fatta da un ebreo la capisco e la condivido, se ripresa da un gruppo di parlamentari del PD è strumentale. Non solo è probabile che di uno dei nostri più grandi esploratori e studiosi non sappiano niente, ma evidentemente ignorano la memoria storica. O, forse, a loro non interessa saperla. Se così fosse, il loro sarebbe un insulto agli ebrei e a chi le leggi razziali le ha subite davvero.

Ovviamente molti riconosceranno nell’immagine sotto il grande giornalista Giorgio Bocca, di cui ho già parlato. Che c’entra? Leggete, leggete.
Enjoy!

Giorgio BoccaTarga all’orientalista Tucci. Gli ebrei: fu un antisemita
L´interrogazione di un gruppo di deputati Pd ai ministri Bondi e Maroni con le critiche alla decisione del Comune di intitolare uno slargo a Giuseppe Tucci, che nel ´38 fu tra i firmatari del “Manifesto sulla razza”.
(La Repubblica)

E’ stato pubblicato il 25 maggio su La Repubblica questo articolo di Giovanna Vitale. In sostanza, hanno finalmente dedicato un modesto slargo a uno dei più grandi studiosi ed esploratori del mondo, Giuseppe Tucci, e questo ha scatenato le proteste di alcuni deputati PD (questo il comunicato stampa).

Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.