Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la categoria “Tra giungle e pagode”
25
Gen

Il Nepal, ricco di colore ma anche di dolore

NepalOggi ho scritto sul Nepal e ho ricevuto diversi commenti negativi verso questo paese, che secondo me invece ha più dignità e onestà del nostro.

Però lì la gente è davvero sfortunata. Ha alle spalle secoli di autoritarismo, se non di despotismo, e ora vede un processo democratico molto difficile, una costituzione tutta da farsi e un governo senza primo ministro. Il bello però è che lavora

26
Ott

Il Nepal agli occhi di Tucci

NepalTucci compì due spedizioni nel Nepal occidentale, nel 1952 e nel 1954. Entrambe, nel tratto delle risaie, furono particolarmente difficili per il clima insalubre e la gente. I nepalesi erano più tristi dei tibetani e il paese era chiuso, impenetrabile, senza alcuna libertà civile, governato col terrore e ancora in condizioni medievali.

Al tempo il paese era dominato dalla dispotica famiglia del primo ministro Rana, che non aveva costruito strade e ponti, chiudendo i confini, in modo che gli inglesi non l’invadessero – il Nepal non fu mai soggetto alla Corona britannica — e i nepalesi non sapessero in che misere condizioni vivevano.

Così racconta Tucci in Tra giungle e pagode (1953), il resoconto della spedizione del 1952:

Il Nepal è dunque uno dei paesi più vari e complessi dell’Asia: ricco di colore ma anche di dolore. Sotto la vivacità dei vestiti e l’allegria chiassosa dei bazar si cela come un’angoscia, il presagio di un malfido corruccio della natura; l’avverti in ogni simbolo o forma. Sotto il sorriso e lo splendore delle cupole dorate dei templi incupisce la mole rossiccia delle cappelle senza finestre, impenetrabili: le porte non aprono un mistero ma lo difendono.

17
Mar

Sempre il Tibet, grande amore

Tucci in molte opere dichiarò il suo amore per il Tibet, anche in Tra giungle e pagode, dove narra la spedizione del 1952 nella regione semi-inesplorata del Mustang, nel Nepal occidentale, di cultura tibetana:

Qui l’immensità degli spazi annulla: si capisce come i Tibetani abbiano accettato con tanta adesione la metafisica del Grande Veicolo che l’uomo e le cose riduce al sogno di un’ombra: che è l’uomo su questi pianori che fuggono oltre l’orizzonte, in queste solitudini cosmiche, fra queste vastità, dove anche le montagne sembrano piccoli poggi?

Un cultura che è stata sistematicamente repressa, offesa e umiliata dalla Repubblica popolare cinese, sin dall’annessione del Tibet nel 1949 e poi con l’occupazione del 1959 e la rivolta di Lhasa.

Oggi, per Tucci e per tutti noi, è un grande giorno di lutto. A mezzanotte scade l’ultimatum ai tibetani in rivolta.Temo una nuova Tiananmen.

  •  
  •  
  •  
Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.