Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la tag “Bhutan”
19
Ott

Cibi tibetani: chi se se Tucci apprezzava lo tsampa?

tsampaTucci nelle sue spedizioni in Tibet e Nepal portava sempre casse dall’Italia piene di cibo in scatola: pomodori, pasta, parmigiano, frutta “in conserva”, come scrive, olio di oliva e così via.

Mi sono spesso chiesta se gustasse i piatti tradizionali dei nomadi come lo tsampa, che è molto nutriente ma, al palato occidentale, molto difficile da apprezzare. Per l’economicità e la facilità di preparazione e di trasporto è un cibo usato specialmente da nomadi e pellegrini.

Il tè salato tibetano viene usato anche per ricoprire questo piatto nazionale, costituito da farina d’orzo, oppure di grano o di riso, arrostita e mescolata con il burro di yak: buona e nutriente, se si riesce a ingollarla.

Devo confessare che ogni invito a casa di tibetani, pur se condito con i sorrisi, la mitezza e la serenità che li caratterizza, mi è sempre riuscito un po’ penoso a causa della brodaglia del tè, dello tsampa essiccato e del biscotto.

10
Ott

Cibi tibetani: il po cha

po chaCon il burro di yak si condisce il famoso tè tibetano e bhutanese, il po cha. Si tratta di una brodaglia immonda – mi perdonino gli amici tibetani e nepalesi! – composta dall’acqua bollente, in cui galleggiano larghe macchie gialle di burro, mischiata con soda, foglie di tè e sale, sbattuti in un cilindro di bambù.

Talvolta viene servito con biscotti che definire “dolci” è un eufemismo: pezzi di forma vagamente oblunga, secchi e duri in modo mirabolante, di colore grigio sospetto, insipidi e solo vagamente dolciastri – il dolce è dovuto alla farina, non allo zucchero – che in Tibet sono fritti e ricoperti di peluzzi, che a un attento esame si rivelano essere nient’altro che lo sporco che si è attaccato mentre la pasta aspettava di essere cotta. Si fa fatica non solo a mandarli giù, ma anche a staccarne dei pezzi a morsi.

Ovviamente il po cha è molto nutriente. Questa è la ricetta.
Ingredienti:

29
Lug

Tucci chiede di entrare in Tibet

LhasaIl 13 aprile 1948 Tucci informò le autorità tibetane del suo arrivo e chiese il permesso di entrare nel paese con i compagni, queste risposero domandando la nazionalità. Infatti, solo i tibetani, i bhutanesi, i sikkimesi – cioè gli indiani – e i nepalesi potevano entrare e circolare liberamente nel Tibet senza passaporto. Il 24 aprile il Tibetan Foreign Bureau da Lhasa rispose:

Voi potete visitare il Tibet per un periodo di tre mesi perché voi siete un buddhista. Vi preghiamo di telegrafare il numero dei cavalli e delle bestie che richiedete per voi. Manderemo il lamyig [il lasciapassare] a Yatung, appena ricevuto il vostro telegramma. Riguardo ai vostri tre compagni, ci dispiace di confermarvi che siccome ci sono molte domande da parte di stranieri di visitare il Tibet che sono state respinte, è difficile per il nostro Governo di concedere loro il permesso. Pertanto informateli di ciò. (A Lhasa e oltre, 1950)

Il telegramma lasciò a Tucci «poche speranze», tuttavia tentò ancora con ogni mezzo di convincere il governo di Lhasa della necessità che lo seguisse almeno il dottore, Moise, senza il quale era rischioso avventurarsi per un viaggio che, al tempo, era difficile e rischioso, e uno dei suoi discepoli «che dalla visita dei luoghi santi avrebbe potuto trarre gran beneficio spirituale». Il «discepolo» sarà stato Mele, al quale era affidata la responsabilità del servizio e delle apparecchiature fotografiche.

Rimaneva escluso Fosco Maraini.

  •  
  •  
  •  
Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.