Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la tag “biblioteca” · pagina 2
28
Set

Questi giorni

Qualcuno mi ha chiesto perché da un po’ di giorni non pubblico niente su Giuseppe Tucci, le sue imprese o i personaggi che lo accompagnarono. Il motivo è semplice: sto finendo di scrivere un libro.

Un libro importante, sul quale sono anni che lavoro, con migliaia di documenti inediti in italiano, in inglese, in sanscrito, in tibetano, in francese, in nepali. Contiene anche la corrispondenza inedita che mi ha mandato il senatore Giulio Andreotti.

Sto ricostruendo anche la politica italiana in Asia durante il periodo fascista e i sogni di Mussolini.

Quindi, cari voi tutti che mi seguite, abbiate pazienza. Ricomincerò a scrivere presto, lo prometto.

28
Ago

Incontro con Geshe Thupten Tenzin a San Polo dei Cavalieri

Ricevo e diffondo con piacere la comunicazione della Biblioteca Comunale San Polo dei Cavalieri intitolata a Giuseppe Tucci, che nella bella cittafdina trascorse i suoi ultimi anni e dove ancora vive la moglie, Francesca. Si tratta di un incontro con il lama Thupten Tenzin.

La Federazione Volontari Radio Soccorso, Associazione di Protezione civile che gestisce il Polo Culturale “Giuseppe Tucci” di San Polo dei Cavalieri, ha il piacere di invitarvi all’incontro che si terrà Sabato 29 Agosto 2009 alle ore 17.00, presso i locali della Biblioteca, in via dei Cavalieri, 31, con il Geshe Thupten Tenzin.

A seguire Puja e Mantra di Lama Tzong Khapa, fondatore dell’ordine dei Gelugpa

I giorni 29 e 30 Agosto, dalle 10.00 alle 19.00, sarà possibile visitare la Mostra fotografica “Valle dello Spiti… Alla ricerca dell’Uomo” ed assistere alla proiezione multimediale di immagini di località indiane dell’Himachal Pradesh.

Come da consolidata abitudine, al termine dell’incontro con il Geshe Thupten Tenzin, viene organizzata una cena che coinvolge tuti i nostri Ospiti. Qualora siate interessati, siete pregati di avvisare contattandoci via email o al 335.206141.

21
Lug

East and West e la Serie Orientale Roma

The tombs of the Tibetan kingsIo delle volte mi chiedo come facesse Tucci a viaggiare e a scrivere così tanto, a studiare, a esplorare, a progettare e realizzare la politica culturale degli studi sull’Asia, a ideare e dirigere l’IsMEO, a tenere contatti con gli studiosi di tutto il mondo, a dare conferenze, a ideare gli scavi, a essere sempre sposato, ad avere discepoli adoranti, a collaborare con case editrici, giornali e riviste, a collezionare libri e oggetti d’arte.

15
Lug

Il poeta Motiram Bhatta e il pandit Hem Raj Sharma

Motiram BhattaHo detto nei post precedenti che il nepali era una lingua considerata popolare, mentre la lingua colta del Nepal era il sanscrito, come anche quella dell’India, accompagnata dall’inglese (da quando il British Raj aveva imposto la sostituzione del persiano con la lingua di Albione per i documenti amministrativi).

Dicevo però che c’erano già grandi poeti che componevano in nepali. Uno di questi era Motiram Bhatta (1866-1896), il «giovane poeta», che all’età di sei anni lasciò Kathmandu per andare a studiare sanscrito a Benares; nel 1887 curò il Ramayana tradotto in nepali da Bhanubhakta Acharya e quattro anni dopo scrisse la sua biografia.

14
Lug

Il sanscrito lingua franca di Giuseppe Tucci

SanscritoSempre a proposito di libri, Hem Raj, il nepali e la grammatica Candrika, Giuseppe Tucci, benché conoscesse abbastanza bene anche la lingua più parlata del Nepal, cioè il nepali, con Hem Raj non lo usava.

Con lui parlava solo e sempre in sanscrito e scriveva anche nella lingua degli dei, con le lettere dell’alfabeto devanagari non translitterate, come quelle che vedete nella foto a lato. Che poi sono le stesse lettere usate ancora oggi per alcune lingue moderne come l’hindi, il nepali e, lievemente modificate, il panjabi o gurmukhi, la lingua del Panjab.

Tucic infatti parlava il sanscrito fluentemente, tanto da sostenere discussioni filosofiche in questa lingua, e il grande pandit era stato

13
Lug

Hem Raj Sharma, la lingua nepali e la Candrika

Grammar bookA proposito di libri, forse non sapete che il maestro nepalese di Giuseppe Tucci, il pandit Hem Raj Sharma, ha scritto la prima grammatica della lingua nepali.

Si intitola Candrika e ha fissato una volta per tutte le regole di una lingua che, pur essendo molto simile al sanscrito, fino ad allora era solo parlata. E l’ha anche pubblicata nella sua casa editrice, allestita al piano terra dell sua enorme casa nel cuore di Kathmandu.

11
Lug

Il mio libro sulla politica italiana in Asia da Mussolini a Andreotti

libroDa alcuni giorni non aggiorno queste mie riflessioni su Tucci e la politica culturale italiana in Asia. Infatti ho saputo dalla mia casa editrice che la data del libro di storia in preparazione, quello per cui ho ricostruito la politica culturale fascista e democristiana in Asia, è stata spostata dall’autunno agli inizi di gennaio.

Grandi fatiche per consegnare il dattiloscritto in primavera, dopo le vicissitudini (che vi racconterò, da scriverci un altro libro!) varie per trovare un editor valido, e poi questa notizia! Ma dicono che le case editrici hanno i loro tempi e, soprattutto, la loro programmazione.

Quindi, racconterò sempre la storia del nostro studioso, così essenziale per la storia della politica culturale asiatica, ma con calma, quando mi sono sbollite un po’ il fastidio e la rabbia.

Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.