Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la tag “burro”
19
Ott

Cibi tibetani: chi se se Tucci apprezzava lo tsampa?

tsampaTucci nelle sue spedizioni in Tibet e Nepal portava sempre casse dall’Italia piene di cibo in scatola: pomodori, pasta, parmigiano, frutta “in conserva”, come scrive, olio di oliva e così via.

Mi sono spesso chiesta se gustasse i piatti tradizionali dei nomadi come lo tsampa, che è molto nutriente ma, al palato occidentale, molto difficile da apprezzare. Per l’economicità e la facilità di preparazione e di trasporto è un cibo usato specialmente da nomadi e pellegrini.

Il tè salato tibetano viene usato anche per ricoprire questo piatto nazionale, costituito da farina d’orzo, oppure di grano o di riso, arrostita e mescolata con il burro di yak: buona e nutriente, se si riesce a ingollarla.

Devo confessare che ogni invito a casa di tibetani, pur se condito con i sorrisi, la mitezza e la serenità che li caratterizza, mi è sempre riuscito un po’ penoso a causa della brodaglia del tè, dello tsampa essiccato e del biscotto.

10
Ott

Cibi tibetani: il po cha

po chaCon il burro di yak si condisce il famoso tè tibetano e bhutanese, il po cha. Si tratta di una brodaglia immonda – mi perdonino gli amici tibetani e nepalesi! – composta dall’acqua bollente, in cui galleggiano larghe macchie gialle di burro, mischiata con soda, foglie di tè e sale, sbattuti in un cilindro di bambù.

Talvolta viene servito con biscotti che definire “dolci” è un eufemismo: pezzi di forma vagamente oblunga, secchi e duri in modo mirabolante, di colore grigio sospetto, insipidi e solo vagamente dolciastri – il dolce è dovuto alla farina, non allo zucchero – che in Tibet sono fritti e ricoperti di peluzzi, che a un attento esame si rivelano essere nient’altro che lo sporco che si è attaccato mentre la pasta aspettava di essere cotta. Si fa fatica non solo a mandarli giù, ma anche a staccarne dei pezzi a morsi.

Ovviamente il po cha è molto nutriente. Questa è la ricetta.
Ingredienti:

07
Ott

Cibi tibetani: il chhurpi, ottimo formaggio di yak

yakI tibetani hanno, come tutti i popoli del mondo, dei cibi tradizionali.

Anche quelli che vivono in Nepal usano le femmine di yak, chiamate dri o nak, non solo per il trasporto, il lavoro, la carne e le lunghe fibre del mantello, che vengono cardate, ma anche per ricavare dal loro latte un burro color giallo oro, maleodorante, e delle forme di formaggio, chiamato chhurpi, dalla polpa color ocra e la buccia marrone, che trasuda grasso da tutti i pori.

Questo formaggio, che spesso viene essiccato, è considerato una vera prelibatezza, se si ha l’accortezza di non odorarlo – ha un sapore intenso e affumicato – e di prenderlo con un pezzo di carta.

Io ogni tanto lo mangiavo: piatto unico, perché avrà 2000 calorie a porzione. A dire la verità l’ho già segnalato, ma sono stata impietosa. Ha un gusto un po’ particolare ma è molto buono e, col pane, è davvero un piatto unico.

06
Ott

Fosco Maraini e il burro in Tibet

butter productionIn questo blog ho parlato più volte di Maraini. Abbiamo anche visto più volte il rapporto conflittuale fra lui e Tucci, scaturito da chi sa dove (o, forse, da molte cause tutte insieme).

In un bel blog che leggo spesso, uno di quei posti dove è bello sostare, Lorenzo ha pubblicato un paragrafo, tratto da un numero de Le vie del mondo del febbraio 1951, in cui Maraini parla dell’importanza pratica e rituale del burro in Tibet:

Il burro ha un posto importantissimo nella vita tibetana; col burro si pagano in gran parte le tasse, il burro si porta in dono e si riceve in dono, il burro si discioglie nel tè emulsionandolo con la soda, di burro le donne si spalmano la faccia e i capelli, col burro ci si ripara dal freddo e dal vento ungendosi il corpo, il burro si offre agli dei, il burro arde nelle lampade…[continua]

18
Ago

Tucci e Maraini, gli eterni nemici: ma poi, perché?

Tibetan childHo parlato diverse volte dell’ostilità che si creò fra Giuseppe Tucci e Fosco Maraini, il bel giovane che lo accompagnò, in qualità di fotografo, nelle missioni in Tibet centrale del 1937 e del 1948, anche se in quest’ultima solo per un breve tratto.

Infatti, abbiamo visto che pare che solo a Tucci le autorità avessero concesso il permesso di arrivare fino a Lhasa. O così lui racconta.

C’è un giornalista che pochi giorni fa ha parlato di Tucci e di Maraini. E’ Lorenzo Cairoli, che riporta un brano di Maraini sul burro e l’ampio uso che se ne faceva, ordinario e rituale, quando ancora il Tibet era un paese autonomo, con la sua identità culturale inviolata.

L’articolo di Maraini è stato pubblicato in un numero de Le vie del mondo, del febbraio 1951, e questo è parte del brano che ha trascritto Lorenzo nel suo bel blog:

Il burro ha un posto importantissimo nella vita tibetana; col burro si pagano in gran parte le tasse, il burro si porta in dono e si riceve in dono, il burro si discioglie nel tè emulsionandolo con la soda, di burro le donne si spalmano la faccia e i capelli, col burro ci si ripara dal freddo e dal vento ungendosi il corpo, il burro si offre agli dei [...]

  •  
  •  
  •  
Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.