Acquista L'esploratore del Duce su Amazon
Articoli per la tag “università”
16
Mag

L'esploratore del Duce all'Università di Catania e la Sicilia

Locandina Catania

Locandina Catania

Il 6 e 7 maggio sono andata a presentare il libro e parlare lungamente di Giuseppe Tucci all’Università di Catania, sede di Ragusa Ibla. Una splendida cittadina della fine del 1600 arroccata su una collina nell’entroterra della parte meridionale della Sicilia, diventata famosa per essere il set della serie televisiva dell’ispettore Montalbano.

Il 6 ho parlato alla Libreria Ubik, che lavora anche in sinergia con l’accademia. Il 7 mattina ho tenuto lezione presso la Struttura Didattica Speciale di Lingue e Letterature Ragusa, Orientalia Iblaea. Una bella squadra di professori che lavorano in armonia, studenti attenti, diverse iniziative culturali sempre più rare in altre università pubbliche.

02
Mag

Giuseppe Tucci va all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Foto presentaziione Cattolica2_19apr2013Questa foto è stata scattata presso l’Università Cattolica di Milano alla presentazione del libro – che si vede sullo schermo in fondo – il 19 aprile 2013 a mezzogiorno. Da sinistra a destra per chi guarda, i tre professori che hanno parlato prima di me.

21
Feb

Un affresco su Tucci

Il dibattito del 16 a Roma è andato benissimo, sala gremita e oratori bravissimi. Sul libro è anche apparsa una nuova brillante recensione su Amazon. Che dire? sono lusingata, 10 anni di ricerche e fatiche durissime valgono a qualcosa se agli studiosi, ai giornalisti, ai semplici lettori, il lavoro piace.

La Garzilli non ha scritto una semplice biografia di Tucci, ma ha composto un affresco utilizzando tecniche differenti che si armonizzano perfettamente.

13
Dic

Il martirio volontario del sapere

Nel Tucci la miracolosa facilità di apprendere le lingue si associa con un temperamento scientifico di primissimo ordine, vale a dire con la sete, la passione del sapere, la quale rende l’uomo come invasato, ossessionato dall’unica idea d’imparare, ricercare, chiarire, e lo costringe a passare le ore del giorno e della notte fra i libri, le pergamene, le carte, i ruderi.

09
Ago

La scuola orientale di Giuseppe Tucci

Giuseppe TucciGiuseppe Tucci sin da giovane voleva creare una scuola, un gruppo di studenti fedelissimi e ultraselezionati che continuassero il suo lavoro e che si sostenessero a vicenda.Una scuola orientale, ovviamente.

E nel 1930, a 36 anni, divenne titolare di Cinese presso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli.

08
Lug

La Cina e l'edizione cinese di Indo-Tibetica

Giuseppe TucciUn gentile lettore mi scrive:

Sono appassionato da sempre di Tibet e di Tucci. In Tibet sono stato una decina d’anni fa. Ho saputo di recente che ISIAO ha contribuito a realizzare l’edizione cinese di Indo Tibetica (io sono alla ricerca dell’originale da anni). Trovo curioso che se ne sia realizzata una nuova edizione per la Cina, che in fondo è la maggiore responsabile della perdita di una parte del patrimonio artistico del Tibet, ma non ancora per l’Italia. A Kathmandu ho visto persino un’edizione indiana anche se la stampa era davvero povera.

A suo parere, perché non esiste ancora una nuova versione italiana di Indo Tibetica?
Ritiene che se venisse realizzata potrebbe trovare un suo pubblico o resta un’opera per addetti ai lavori?
Tucci resta un personaggio scomodo che si preferisce dimenticare? [...]

Questa la mia risposta:

Come mai si interessa così tanto a Tucci, se posso saperlo? Io ho comprato l’edizione originale di Indo-tibetica a svendita all’università di Harvard, avevano un doppione. La riedizione italiana è costosa e forse inutile, molte cose sono sorpassate. Ma molte cose ancora valide. Ma sono tanti libri sa? E produrre libri costa moltissimo, e ancora di più costa la distribuzione. Per l’edizione cinese forse il governo cinese avrà contribuito o forse, più probabilmente, l’ISIAO vorrà compiacerlo. [...]

Tucci è un personaggio molto, molto scomodo.

E voi che ne pensate? Perché tradurre un libro di arte tibetana proprio in cinese – e perché non ripubblicarlo in italiano?

17
Gen

Cosa scrisse Tucci?

libriL’importanza culturale degli scritti di Tucci è molto variabile. Nel 1930 e nel 1932 pubblicò degli studi sulla logica buddhista che solo pochissimi esperti sparsi per il mondo potevano capire, mentre nel 1956 uscì a Roma per il Club Campeggiatori Romani il suo libricino di 18 pagine Vita nomade, che si dice sia stato letto da migliaia di persone.

Nel 1949 pubblicò il magnifico libro in due volumi Tibetan Painted Scrolls, che contiene le foto a colori di centinaia di opere, molte delle quale ora sono scomparse.

Su Amazon e in libreria

Leggi il piano dell’opera, acquista i due volumi su Amazon.

L’autore

Enrica Garzilli Enrica Garzilli è specialista dell’Asia moderna e dell’Oriente, si è laureata in sanscrito alla Scuola Orientale di Roma con i più amati allievi di Giuseppe Tucci, ha continuato gli studi sull'Asia moderna a Delhi e ad Harvard, e lavorato in università prestigiose in Italia e all’estero. Collabora regolarmente con quotidiani, periodici, televisioni e radio. Leggi la biografia completa.

Asiatica Association

Per informazioni sul libro o ordini, contattare Asiatica Association.

Ricerca
© Copyright 2012 Enrica Garzilli. Tutti i diritti riservati.